Recensione Apple iPhone 3G

di DiGi

Ancora prima che esca sono spuntate tre recensioni piuttosto dettagliate sull’iPhone 3G. Sono state scritte da tre illustri giornalisti: Walt Mossberg del Wall Street Journal e di All Things D, Ed Baig di USA Today e David Pogue del New York Times. Vediamo insieme quali sono i punti chiave delle loro recensioni, sintetizzati anche da Gizmodo.

Walt Mossberg (Wall Street Journal)

Velocità 3G – Walt Mossberg ha avuto modo di testare l’iPhone 3G per alcune settimane, durante le quali ha sfruttato soprattutto la navigazione su Internet, migliorata – a suo dire – di circa 3-5 volte per quanto riguarda la velocità di caricamento delle pagine. La navigazione su Internet però ha prosciugato la batteria del suo iPhone 3G molto più velocemente rispetto all’iPhone 2G.

Speaker esterno – Mossberg ha notato che lo speaker esterno è molto più udibile, sia per la musica che per il vivavoce, ma simile al precedente per il resto delle funzioni audio.

Bug di sincronizzazione – Un bug che ha riscontrato è che si può sincronizzare il calendario e i contatti solo con Exchange o i propri account personali, non con entrambi.

Autonomia e batteria – Nei test relativi alla batteria, Mossberg ha ottenuto quasi 5 ore di autonomia in chiamata (3 ore in meno rispetto ai suoi test sul ‘vecchio’ 2G). Usando la connessione UMTS la batteria è durata quasi 6 ore, che è leggermente meglio dei tempi dichiarati dalla stessa Apple.

Applicazioni – Mossberg non ha avuto modo di testare delle applicazioni sull’iPhone 3G, ma lo ha fatto sul 2G e segnala che non c’è nulla di diverso da quanto pubblicizzato.

GPS – Mossberg sembra essersi dimenticato di testare il GPS, per cui non ci sono indicazioni in merito a questo aspetto ritenuto fondamentale da molti.

Ed Baig (USA Today)

Lontano dalla perfezione – Ed Baig ha testato l’iPhone 3G e come prima impressione dice che non è ancora perfetto. Le sue lamentele relative al 2G – mancanza di videoregistrazione, limitazione del Bluetooth e niente voice-dialing – non possono che essere ribadite.

Scarsa copertura 3G – Inoltre la copertura 3G di AT&T non raggiungeva la sua casa in New Jersey, quindi non ha potuto testare la connessione UMTS.

Ricezione e case – Secondo Ed Baig, l’uso della plastica al posto dell’alluminio favorisce la ricezione e il nuovo jack per gli auricolari a filo con il case è sicuramente uno sviluppo positivo.

GPS – Ed Baig si è detto stupito dalla precisione con cui la funzionalità GPS localizza punti di interesse o attività commerciali e spera vivamente che ci sarà un add-on di terze parti per ottenere le indicazioni stradali vocali in tempo reale.

Speaker esterno e compatibilità – Baig ha notato un miglioramento nello speaker esterno, ma ha notato con sorpresa che il nuovo iPhone 3G non è compatibile con alcuni vecchi accessori, come il SoundDock Bose o il car kit Belkin. In realtà però dovrebbe uscire un adattatore per poter utilizzarli senza problemi.

Speranze per il futuro – Alcune speranze per la prossima generazione di iPhone: Flash, Java e supporto WMV, batteria removibile, memoria espandibile.

David Pogue (New York Times)

Qualità audio – David Pogue del Ney York Times afferma che la qualità audio è molto migliorata, tanto da far entrare di diritto l’iPhone 3G nella classifica dei migliori cellulari per quanto riguarda l’audio.

Forma e difetti – Il lato posteriore ricurvo permette una presa più comoda nella mano, il che è sicuramente un vantaggio. Ma continuano a mancare delle caratteristiche standard per un cellulare (niente MMS, videoregistrazione, copia-incolla, ecc.) – lacune che si spera verranno colmate da applicazioni di terze parti dell’ App Store.

GPS e Firmware 2.0– Pogue ha notato che il GPS non supporta la navigazione in tempo reale. Nel complesso il suo giudizio è positivo, soprattutto per quanto riguarda il Firmware 2.0, che sembra proprio essere una marcia in più

Fonte: QUI

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *