Scrivere, Formattare e Gestire una Memoria SD su Linux

di Gabriele Li Mandri

Linux è un sistema operativo straordinario, e parte del merito è anche delle schede SD, che hanno una eccezionale utilità per gli utenti che hanno scelto di utilizzare questo sistema operativo. Grazie ad esse, infatti, è possibile memorizzare foto o video oppure espandere la memoria a disposizione sull’hard disk: in altre parole, possono risolvere davvero tanti problemi, a patto però che tu sappia come gestirle e configurarle correttamente, per evitare problemi quali la perdita di dati.

Vediamo dunque come scrivere, formattare e gestire una memoria SD su Linux.

Come formattare una memoria SD su Linux?

formattare sd su linux

Programmi come KDE Partition Manager ti permettono di selezionare una partizione e di formattarla cambiandone le caratteristiche. La prima cosa che dovrai fare sarà cancellarne l’intero contenuto: un’operazione che potrebbe richiedere un po’ di tempo. Una volta fatto questo, dovrai scegliere una tipologia di partizione: il nostro consiglio è di scegliere il formato FAT, che ha il pregio di funzionare su svariati sistemi operativi, compreso Linux. Come cancellare il contenuto di una scheda SD? Ti basterà inserire il comando manuale “dd if=/dev/zero of=/dev/sdc”. In questo modo, sostituirai tutti i dati presenti sulla scheda con “zero”, ovvero cancellandoli. Dopo aver inserito questo comando, potrai creare una partizione di nuova tipologia.

 

Come creare una partizione separata su Linux?

creare una partizione sd su linux

Innanzitutto occorre che tu sappia che creare una partizione separata di una scheda SD è un’operazione molto rischiosa, in quanto potrebbe compromettere alcuni file o dati. Per questo motivo, assicurati sempre di aver fatto un backup prima di procedere con questa operazione. Come fare? Una volta che avrai cancellato la partizione attuale toccando l’icona col segno “-“, potrai aggiungere una partizione separata selezionando l’icona “+”. Se desideri avere a tua disposizione più opzioni di personalizzazione, come ad esempio l’opzione di modifica delle dimensioni della partizione, o la possibilità di pulirla in automatico, noi consigliamo di scaricare ed installare GParted.

 

Come eseguire il backup di una scheda SD su Linux?

effettuare un backup

Come abbiamo appena finito di vedere, fare un backup di una scheda SD è sempre un metodo consigliato per evitare di incorrere nella perdita di dati o file importanti. Come fare? Potrai creare un backup della scheda SD aprendo il file manager semplicemente copiando tutti i file contenuti dalla scheda SD su una cartella apposita su pc. Nel caso il backup sia molto pesante, però, ti converrà utilizzare un altro metodo: creare un’immagine ISO della partizione: anche in questo caso, ti converrà sfruttare le opzioni a disposizione nel tuo menu delle partizioni. Grazie alle suddette opzioni, potrai anche ripristinare il backup di una scheda SD su Linux.

 

Come creare una scheda SD avviabile?

Grazie alle partizioni e alle schede SD, potrai avviare Linux da un’immagine ISO senza per questo cambiare radicalmente sistema operativo. La prima cosa che dovrai fare sarà, dunque, scaricare la ISO, copiarne il percorso della directory e utilizzare nuovamente il comando dd, inserendo la seguente stringa di codice:

 

dd if = / home / user / Downloads / cartella/nome.iso of = / dev / sdc

 

Se vuoi evitare di inserire questa riga di comando, potrai scaricare il packaging manager della distribuzione di Linux che intendi installare, utilizzarla su chiavetta USB tramite tool come USB Creator Live o UnetBootin, e installare l’immagine ISO di Linux sulla scheda SD che hai scelto.

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *