Come Convertire il Testo di un PDF in un File Word 2013

di samuele

Convertire il testo di un PDF in un file Word 2013Il nuovo Word 2013  offre alcune caratteristiche interessanti. Tra tutte vale la pena segnalarne una in particolare chiamata PDF Reflow. A cosa serve? A convertire PDF in testo e a importalo dentro Word per modificarlo a piacere. Si presenta, di fatto, come uno strumento indispensabile per chi lavora spesso con PDF e Word. Anche se bisogna ammettere, non è ancora la soluzione perfetta che servirebbe: funziona bene con i documenti composti quasi esclusivamente da testo, un po’ meno quando nel PDF ci sono immagini o grafici. E, a volte, è anche lento, impiega qualche minuto a convertire i file più grandi. Detto questo possiamo passare alla guida e vedere come convertire facilmente un PDF in DOCX.

Come convertire un PDF in Word

Schermata di Word 2013 per aprire il file PDF

Per prima cosa apriamo apriamo Word 2013, e poi clicchiamo su FILE per aprire il PDF che vogliamo convertire.

Selezione del file PDF da aprire

Clicchiamo su Open, quindi su Computer. Ovviamente se il PDF è conservato su una chiavetta, o su SkyDrive, basta scegliere la localizzazione corrispondente. In questo esempio usiamo un PDF con del testo generato casualmente salvato nella cartella di default dei documenti.

Schermata per la selezione del PDF da convertire

Dopo aver selezionato con il mouse il file clicchiamo su Open.

Schermata di un messaggio di avviso di Word

Word ci avvisa immediatamente che impiegherà del tempo per convertire il PDF in testo. Non preoccupiamoci e clicchiamo su OK. Se abbiamo intenzione di usare spesso questa funzione probabilmente ci conviene mettere una spunta sull’opzione “non mostrare più questo messaggio”: in questo modo le prossime volte risparmieremo tempo.

Immagine del testo del file PDF convertito in file Word 2013

Dopo qualche tempo (secondi o minuti) il file PDF verrà aperto in Word. Ora possiamo modificarne il contenuto, aggiungendo righe, eliminando paragrafi, spostando parole. E così via.

Schermata per salvare il file convertito

Finito il lavoro possiamo convertire ancora una volta il file in PDF. O, meglio, possiamo esportarlo come PDF o salvarlo come documento Word. Per esportarlo basta usare lo strumento Esporta del menù FILE. Ovviamente il formato da scegliere è il PDF/XPS.

Quindi cliccate su FILE e poi su Save As (Salva come) sulla barra di sinistra.

Schermata di Word per salvare il file in formato PDF

Decidiamo poi dove salvare il PDF, se sul PC oppure direttamente nel nostro account su SkyDrive. Possiamo anche aggiungere una posizione diversa, ad esempio Google Drive, tramite l’opzione Add a Plase.

Schermata per il salvataggio del file PDF

Dopo aver raggiunto la posizione in cui vogliamo salvare il nostro documento inseriamo il nome del file e selezioniamo come tipo il formato PDF (*.pdf). Il pulsante Opzioni permette di modificare alcune impostazioni come la qualità del file, le dimensioni, il colore. Di solito vanno bene le impostazioni predefinite ma vale comunque la pena sperimentare un po’ sopratutto se inseriamo immagini e grafici nel nostro lavoro. Vale inoltre una raccomandazione: salviamo il nuovo file con un nuovo nome in modo da non perdere il PDF originale.

Schermata di apertura del nuovo file PDF

Dopo il salvataggio il file PDF viene aperto automaticamente dal nostro lettore PDF. Per disattivare questa opzione basta togliere la spunta da “apri il file dopo la pubblicazione”.

Schermata di chiusura del file PDF

Possiamo chiudere il file PDF facilmente dal menù FILE scegliendo il pulsante Close.

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *