Differenza tra Router, Switch e Hub

di Gabriele Li Mandri

Spesso la tecnologia risulta complessa per via delle varie sigle e degli acronimi che vengono assegnati a dispositivi e hardware che, invece, potrebbero risultare più comprensibili semplicemente utilizzando un nome più appropriato. Ed invece, spesso e volentieri, prevale quella tendenza ad assegnare etichette più complesse e “affascinanti”, scadendo alle volte in un vero e proprio abuso della terminologia.

Un esempio lampante di ciò sono i dispositivi di rete come hub, switch e router: vediamo insieme di cosa si tratta e quali sono le loro funzioni principali.

 

Cos’è l’Hub

Letteralmente “hub” significa “mozzo”, ovvero la parte centrale di una ruota. E proprio come il classico mozzo delle biciclette, l’hub ha il compito di collegare un numero indefinito di computer all’interno di una rete LAN. In altre parole, l’hub riceve tutte le informazioni dalle varie postazioni e, attraverso le rispettive porte, le invia nuovamente agli altri computer. L’hub è stato il primo dispositivo a permettere la trasmissione di una grande quantità di dati attraverso la LAN.

Differenza tra Router, Switch e Hub

A cosa serve un Hub

Spesso un hub è più controproducente che utile, ed il motivo è legato soprattutto ad una questione di sicurezza: i dati vengono infatti spediti indistintamente a tutti i computer collegati in rete, anche se si tratta di dati sensibili o di informazioni “scottanti”. Inoltre, questo sistema di trasmissione dati è capace di ingolfare la banda della connessione Internet, proprio per l’enorme mole di dati che sposta continuamente.

Infine, l’hub non è in grado di distinguere la specificità di certe operazioni: ad esempio, se decidete di inviare alla stampante collegata in rete un file, quel file verrà inviato a tutte le stampanti collegate alla LAN. E nel caso di un ufficio, potrebbe risultare molto fastidioso. D’altro canto, l’hub è utile per controllare l’attività di chi utilizza i vari pc collegati in rete: questo significa che, monitorando il traffico, è possibile individuare ad esempio un impiegato che guarda video su YouTube invece di lavorare.

Cos’è lo Switch

Lo switch è un dispositivo molto simile all’hub, in quanto ha anch’esso il compito di collegare diversi dispositivi ad una stessa rete LAN e di gestire il traffico di dati fra essi. A differenza dell’hub, però, lo switch è in grado di distinguere i diversi computer ed è dunque molto utile per risolvere molte delle pecche degli hub.

Cos'è e a cosa serve uno switch

A cosa serve lo Switch

Lo switch è l’ideale per la creazione di una rete LAN “intelligente”, in quanto riesce ad identificare i computer e a spedire un determinato traffico di dati verso uno di essi: ad esempio, se il computer A vuole spedire un file alla stampante del computer F, lo switch sarà in grado di compiere questa operazione senza per questo coinvolgere tutte le altre stampanti.

Inoltre, agendo attraverso questi canali preferenziali ed isolati fra loro, lo switch non ingolfa la rete e riduce al minimo il traffico di dati. In questo caso, la dicitura “switch” (interruttore) rende perfettamente l’idea. Come si può facilmente intuire, gli switch sono decisamente più convenienti degli hub, anche se il loro costo è maggiore: nonostante questo, oggi è possibile trovare ottimi switch a prezzi concorrenziali. Nel caso in cui vogliate quelli più professionali, però, preparatevi a sborsare una cifra di tutto rispetto.

Cos’è il Router

Il router è probabilmente il dispositivo di rete più comune nelle nostre case, con il quale abbiamo la maggiore confidenza. D’altronde lo scopo del router è davvero intuitivo, in quanto serve ad inviare i pacchetti di dati alle altre reti. In pratica i router funzionano come caselle postali: questi pacchetti di dati, infatti, posseggono delle etichette che indicano il mittente ed il destinatario, ed il router è in grado di leggerle e di gestire il traffico di dati assicurando la ricezione dei pacchetti inviati al nostro computer, e l’invio dei pacchetti destinati agli altri pc.

Il concetto è fondamentalmente lo stesso della LAN, solo che i dati passano attraverso il world wide web piuttosto che attraverso supporti fisici quali switch e hub. Inoltre, grazie a questo sistema di indirizzi, è possibile spedire un determinato file solo ad un pc che sfrutta una connessione condivisa da altri inquilini, senza che essi possano riceverlo. In altri termini, il router è una sorta di postino confidenziale.

Cos'è e a cosa serve un router

A cosa serve il Router

Lo scopo dei primi router usciti sul mercato si limitava all’invio e alla ricezione di questi pacchetti di dati. Oggi, però, i router sono diventati qualcosa di più complesso: ad esempio i router permettono di condividere localmente i servizi di dispositivi come le stampanti, grazie all’assegnazione di indirizzi IP specifici per ogni dispositivo. Ciò diviene possibile grazie alla rete NAT, che consente di creare una piccola LAN, e al protocollo DHCP, che è quello che si occupa dell’assegnazione dei diversi IP. Grazie ai router oggi è possibile collegare e gestire vari dispositivi su una stessa rete, come ad esempio le stampanti, i portatili e le console per videogames.

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *