2014 12/03

I Migliori 7 PC Portatili del 2014

I migliori PC portatili del 2014C’è un aspetto a mio parere sottovalutato: smartphone e tablet non possono, e non potranno sostituire un PC. Sì, è vero, il mercato dei computer, portatili o no, è in calo, e la tendenza è a una sua riduzione proprio nei confronti degli altri due dispositivi. Ma, checché se ne dica, un tablet non è ancora uno strumento di lavoro, vuoi per la mancanza di una tastiera vuoi per le dimensioni tutto sommato ridotte dello schermo oppure per delle applicazioni non davvero professionali. E se alla tastiera si può in qualche modo sopperire con un software di riconoscimento vocale, o una tastiera speciale, le dimensioni restano quelle. E i programmi migliori per lavorare restano comunque quelli per desktop. Ed è per questo, per chi come usa il PC per lavorare, o per giocare, che vale la pena tenere sott’occhio i migliori PC del 2014, a partire dai portatili.

Asus Transformer Book T100

Immagine del portatile Asus Transformer Book T100

Ed è proprio, alla fine, il sistema operativo quello che ho usato come discrimine per decidere tre potenziali candidati al mio personale premio “miglior portatile del 2014”. Perché per quanto mi piacciano, e costino poco, i chromebook non sono di certo lo strumento migliore per lavorare o per giocare. E Android? Sono un grande tifoso di Android ma, davvero non se devo lavorare. Restano quindi Linux, ma non ci sono praticamente modelli con qualche distribuzione preinstallata, MacOS e Windows.

Windows, quindi. Perché la presenza di Windows 8.1 cambia completamente il senso della serie Transformer Book di Asus. Se un tablet Android da 10.1 pollici con tastiera agganciabile è solo un giocattolino costoso, la nuova generazione diventa un vero e proprio portatile. La nuova Atom Bay Trail di intel è un quad-core veloce il doppio rispetto alla generazione precedente, la potenza è adatta anche per molti giochi e il pacchetto Microsoft Office Home & Student 2013 rendono appetibile questo ibrido.

La tastiera agganciabile è fatta bene, con un buon scorrimento dei tasti, anche se è un po’ piccola per chi ha le mani più grandi. Vale la pena di ricordare la saggia decisione di dotare la tastiera stessa di una batteria aggiuntiva, oltre a una serie di porte comode per collegare mouse, penne usb e altro. La batteria porta la durata di questo portatile-tablet alle nove ore di utilizzo effettivo: la durata adatta per affrontare una trasferta lavorativa senza patemi d’animo.

Lo schermo è un IPS 1366 x 768: non è esattamente il migliore, lo ammetto, ma rispetto al prezzo del PC è un buon compromesso. A propositi di prezzo, su Amazon è possibile trovarlo a 400 euro (qui) o a 600 euro (qui) a seconda della configurazione e della quantità della memoria interna.

Apple Macbook Pro 13″ con Retina Display

Immagine del portatile Apple Macbook Pro

Beh, i Macbook di Apple sono dei piccoli capolavori. Poi questo è un piccolo gioiellino. Il nuovo processore Haswell di Intel garantisce prestazioni grafiche superiori ai modelli precedenti. E, sì, è vero, questo è sempre stato un tallone d’Achille dei Macbook, sopratutto se confrontati con le postazioni fisse di Apple. Ma a discapito di un peso maggiore (non tanto, siamo sui 1.55 kg) il nuovo Macbook Pro da 13 pollici vale tutti i soldi necessari per comprarlo. Il Retina Display è un tocco di classe aggiuntivo, ed è stupefacente. Su Amazon lo si trova attorno ai 1450 euro (qui).

Microsoft Surface Pro 2

Immagine del portatile Microsoft Surface Pro 2

Anche il Microsoft Surface Pro 2 è un “sequel”, se così vogliamo definirlo. L’aspetto è quello della prima edizione, con una tastiera che continuo a considerare mal fatta, se si deve scrivere a lungo e velocemente. Ma l’aggiunta di alcune nuove posizioni al cavalletto è cosa gradita, e rende finalmente comodo usarlo su una scrivania. Anche se apprezzo di più la docking station, opzionale: usandola si ottiene davvero un vero e proprio portatile, ma con il touch screen.

Lasciando da parte la sua struttura esteriore, l’interno è comunque una bella sorpresa. Il nuovo processore Intel Haswell migliora di molto le prestazioni del modello precedente garantendo un sistema reattivo e stabile. I problemi della calibrazione del colore, nello schermo, sono stati finalmente risolti. E, per fortuna, la stilo è ancora di serie. Per fortuna perché se dovesse servire un tablet per prendere appunti il Surface si presta agevolmente anche a questo.

Lascia un commento