2014 20/08

Come Svuotare la Cache dei DNS su Windows, Mac OS X e Linux

Ogni tanto ci sono dei problemi con la navigazione internet. Capita per colpa del gestore telefonico cui ci si appoggia, oppure per problemi del proprio PC. Uno dei casi più comuni è legato alla cache DNS, ovvero agli indirizzi IP prememorizzati nel proprio PC e utilizzati per accedere ai siti in modo semplice e veloce.

Però, ogni tanto, ci sono errori nella cache, oppure alcuni siti cambiano server, e di conseguenza il loro indirizzo IP. Prima di impazzire cercando l’origine di un problema di connessione a un sito conviene quindi svuotare la cache DNS. Vediamo rapidamente come fare.

Svuotare la cache dei DNS

Cominciamo da Windows: per svuotare la cache dei DNS è sufficiente digitare un comando sul prompt dei comandi di Windows. Lo si trova nella categoria “Accessori” nel menù Avvio di Vista e Win 7, oppure nella schermata delle applicazioni di Windows 8 nella sezione “Sistema Windows”. Il prompt va lanciato come amministratore altrimenti non è possibile eseguire con successo la pulizia della cache.

Il comando da scrivere è questo

ipconfig /flushdns

Dopo aver premuto invio si ottiene un messaggio di conferma simile a questo

Windows IP Configuration Successfully flushed the DNS Resolver Cache.

Il procedimento per svuotare la cache dei DNS su Mac OS X è simile. In questo caso si deve lanciare il terminale e digitare il codice

sudo killall -HUP mDNSResponder

Va notato l’utilizzo del comando “sudo” che richiede la digitazione della password di amministratore. Anche in questo caso servono privilegi d’uso da amministratore per intervenire a questo livello.

Allo stesso modo su Linux, da terminale, è sufficiente digitare il codice

sudo /etc/init.d/nscd restart
service dnsmasq restart
rndc exec

Per pulire completamente tutte le cache dei DNS.

Come Svuotare la Cache dei DNS su Windows, Mac OS X e Linux ultima modifica: 2014-08-20T12:11:29+00:00 da samuele

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento