Collegare 2 PC Wireless: Come Configurare la Connessione di Rete

di Massimo

Come collegare 2 PC wirelessSe abbiamo in casa due PC Windows tra cui vogliamo scambiare molti dati può tornare molto utile creare una rete ad hoc wireless, ovvero una rete senza fili (WiFi permettendo) esclusiva tra i due PC. Avevamo già visto un software in grado di creare una rete per scambiare file tra due computer, ma oggi vediamo, senza necessità di programmi dedicati, come creare una rete ad hoc tra due PC; la procedura è realizzabile ovviamente solamente tra due PC in grado di comunicare in wireless, ovvero dotati di modulo Wi-Fi. La procedura fa riferimento al sistema Windows 7 ed è divisa in tre principali fasi.

1. Creazione della rete sul primo PC

Il primo passo che dovremo andare a svolgere sarà creare una rete ad hoc da uno dei due PC, poi successivamente connetteremo l’altro PC alla rete. Prendiamo quindi il controllo di uno dei due PC e apriamo la sezione reperibile dal Pannello di Controllo chiamata “Centro connessioni di rete e condivisione”; questa sezione del pannello di controllo è dedicata come vedremo alla gestione delle reti e della condivisone dei dati.

Ora scegliamo la prima opzione “Crea una nuova connessione o rete” e ci troveremo di fronte ad una procedura guidata che ci guiderà per creare una rete o una connessione nuova; attenzione che nella prima finestra che ci appare però dovremo scegliere l’ultima opzione “Configura una rete wireless ad hoc“, esattamente la tipologia di rete che ci serve.

Configurare una rete wireless ad hoc

Ora una nuova finestra ci informerà sulla tipologia di rete che stiamo andando a creare, spiegando come verremmo disconnessi dalla rete ad hoc se ci connettiamo ad un’altra rete WiFi e simili; cliccando su Avanti ora un’altra finestra ci chiederà delle preziose informazioni che dovremo scegliere con po’ di criterio: ci verrà richiesto un nome da dare alla rete, la tipologia di sicurezza della chiave utilizzata e la chiave stessa.

Per la tipologia di chiave se volete stare tranquilli ed essere sicuri di avere una rete robusta vi consigliamo di settare “WPA2-Personal” e di immettere una chiave abbastanza lunga; il nome della rete invece è ovviamente a vostra indiscrezione.

Vi raccomandiamo di spuntare l’opzione per ricordare la rete che stiamo creando; ora pazientate qualche istante che il sistema operativo proceda alla creazione della rete. Terminata questa fase una nuova finestra ci informerà dell’avvenuta creazione della rete, ricapitolando il nome della rete e la chiave scelta; in questo modo ora il PC sul quale abbiamo operato sta funzionando come access point, aspettando la connessione alla rete ad hoc di altri utenti.

2. Connessione alla rete del secondo PC

Il secondo banale passo sarà passare all’altro PC e connetterlo alla rete ad hoc che abbiamo appena finito di creare con il primo PC; attenzione che ovviamente il PC che ha creato la rete ad hoc deve rimanere acceso e non in modalità di stand-by o simili per far sì che la rete sia visibile e funzionante per tutti gli altri dispositivi che si connetteranno.

Ora per connettere un altro PC alla rete ad hoc creata, semplicemente cliccando sull’icona del WiFi in basso a destra nella barra Windows ci verranno mostrate le reti WiFi disponibili e dovremmo visionare la rete ad hoc che abbiamo creato, con un simbolo diverso rispetto alle classiche rete WiFi “erogate” dai router.

Connessione del secondo PC alla rete

Cliccando quindi successivamente sulla rete ad hoc e su Connetti, come ci aspettiamo ci verrà chiesta la chiave che abbiamo settato in precedenza: digitatela ricordandovi di fare distinzione tra caratteri maiuscoli e minuscoli e date OK.

Ora, dopo qualche istante di pazienza, Windows 7 vi connetterà alla rete ad hoc: vi ripetiamo che il PC sul quale abbiamo creato la rete deve rimanere accesso e funzionante perché funziona da access point esattamente come un router in questo momento.

Con il primo PC acceso e funzionante dal quale abbiamo creato la rete ad hoc e il secondo connesso correttamente al primo abbiamo creato una piccola rete wireless ad hoc, in grado di far comunicare senza fili e senza grosse difficoltà i due computer. Il nostro esempio è riferito solamente a due PC ma vi ricordiamo che potete connettere più PC senza problemi, ricordandovi solamente di lasciare accesso e attivo il primo PC che funge ad access point per tutti gli altri e regge l’intera rete.

3. Condivisone di file e cartelle tra PC

Una volta creata la rete ad hoc e connesso almeno un altro PC avremo una connessione wireless funzionante; vediamo ora come sfruttarla per condividere i dati che vogliamo scambiare tra i vari PC.

Quando ci siamo connessi con un PC alla rete ad hoc potremo già condividere facilmente file e cartelle, ma prima di questo rechiamoci nuovamente in “Centro connessioni di rete e condivisione” e cliccando sulla sinistra l’opzione per visualizzare le opzioni avanzate possiamo andare a controllare cosa ci è permesso di condividere sulla rete, disattivando o attivando quello che ci serve.

Dopo questo breve controllo potremo condividere file e cartelle esattamente come abbiamo sempre fatto nella altre reti: attenzione però a cosa condividete perché quando vi sconnetterete dalla rete ad hoc e vi connetterete ad un’altra rete le condivisioni rimarranno attive; vi consigliamo quindi di attivare le condivisioni solo quando necessario e disattivarle quando avete finito di trasferire i vostri dati.

Con le reti ad hoc avrete finalmente un metodo per scambiare file e cartelle anche di grosse dimensioni in maniera piuttosto veloce, sicura e senza nessun cavo o software dedicato, sfruttando a dovere i moduli WiFi dei nostri PC in grado di trasmettere a buone velocità i nostri file.