6 Modi per Sbloccare Facebook a Scuola, in Ufficio o a Lavoro

di samuele

Sbloccare Facebook a scuola, in ufficio o a lavoroNell’eterna sfida tra le forze del bene e quelle del male oggi siamo noi quelli tenuti a incarnare la malvagità. Perché? Perché siamo quelli che in ufficio aggiornano la bacheca (di Facebook), a scuola studiano (i meme, sempre su Facebook), al lavoro si concentrano (sui post di Facebook). Dall’altra parte della barricata ci stanno capi ufficio, professori e “paroni” in preda alla disperazione e con un unico obiettivo: bloccare l’accesso al noto social network. La sfida è epocale, l’esito incerto. Loro possono contare sugli amministratori di sistema, noi sulla forza della rete e del passaparola. E, finché dura, su questi 6 modi per sbloccare Facebook a scuola, in ufficio e a lavoro.

Senza esagerare

Immagine generica di Facebook

Dite che sto esagerando? In realtà nemmeno troppo se le ultime ricerche sono corrette: uno dei problemi più grossi in ufficio è il tempo perso su Facebook dagli impiegati, e in generale navigando in Internet. Su alcune cose non c’è modo d’intervenire, e la battaglia è persa ancora prima di essere ingaggiata. Pensate solamente al social network di Google, Gplus: per bloccarlo si dovrebbe rinunciare a tutti i servizi collegati al colosso americano, in primis al motore di ricerca. Impensabile, no? Per Facebook le cose sono un po’ più semplici. Le scappatoie, però, ci sono sempre.

1. Facebook Mobile

Immagine della versione Mobile di Facebook

Il trucco più semplice è accedere a Facebook tramite un indirizzo diverso da quello tradizionale. Un po’ come si faceva una volta per aggirare i vari blocchi imposti dagli amministratori di sistema: si trova un link che colleghi un sito “lecito” a quello bloccato e il gioco è fatto. Difficile questo trucco funzioni ancora, ma si può sempre provare.

Una cosa, invece, che potrebbe essere stata sottovalutata è la potenzialità di Facebook Mobile, la versione per cellulari del noto social network. L’indirizzo è il semplicissimo m.facebook.com e attraverso esso possiamo accedere al nostro account. Tutto bene, quindi? Dipende. La versione per smartphone è limitata rispetto a quella desktop, e anche più bruttina. Possiamo però utilizzarla per consultare la nostra bacheca, aggiornare il nostro stato, vedere le foto di amici e colleghi. Non possiamo cliccare sui Like, e i link danno qualche problema. Ma, alla fine, meglio di niente, no?

2. Opera Tor

Probabilmente i puristi del web me ne vorranno a male ma se volete sboccare Facebook potete sempre scaricare OperaTor. Di cosa si tratta? Della fusione tra uno dei più agili browser in circolazione (e, ahimé, uno di quelli meno diffusi) e della tecnologia che permette la navigazione in maniera anonima. Parlo di Opera e di Tor.

Lo so, si tratta di uso improprio di tecnologia pensata per difendere la libertà di espressione e la condivisione delle idee. Per capirci, possiamo utilizzare Tor per comunicare attraverso le barriere imposte dai vari governi nazionali (Cina e Iran, ad esempio) e per diffondere messaggi nobili.

Oppure se il nostro non è l’animo del rivoluzionario possiamo semplicemente scaricare OperaTor e utilizzarlo come browser d’emergenza. Lo installiamo su una penna USB e lo utilizziamo normalmente. E come facciamo ad accedere a Fecebook? Digitando l’indirizzo solito, ovviamente. Ci pensa Tor a superare tutti i blocchi, e noi possiamo perdere liberamente il nostro tempo.

3. SbloccaFacebook.info

Immagine del sito Sblocca Facebook

Un po’ meno complesso rispetto all’utilizzo di OperaTor è il sito SbloccaFacebook.info. Il principio è lo stesso, oscurare il nostro IP e così superare i blocchi imposti dagli amministratori di sistema, ma non richiede particolari competenze. E’ sufficiente scrivere l’indirizzo di Facebook in una casellina per poter navigare liberamente. Tra l’altro c’è una cosa bella: possiamo utilizzare questo sito per accedere anche a eventuali altri siti bloccati.

Non voglio però illudervi, non si tratta della soluzione a tutti i vostri problemi: se vi bloccano l’accesso a questo sito siete punto a capo. E vi toccherà ricorrere a uno degli altri trucchi alternativi.

4. Modificare DNS

Andando più sul tecnico possiamo provare a modificare manualmente le impostazioni di connessione. E’ uno dei metodi più invasivi che possiamo attuare e probabilmente uno di quelli più facilmente bloccabili dagli amministratori di rete. Alla fine basta impedire agli utenti la modifica delle impostazioni e questo trucco non vale già più. Per questo ho deciso di spiegare come cambiare i server DNS solamente verso la fine di questa guida: il trucco può essere applicabile come no, dipende un po’ dalla nostra fortuna.

Ma, nella pratica, cosa dobbiamo fare? Clicchiamo con il tasto destro sull’icona della connessione di rete, andiamo su Proprietà e quindi su Protocollo Internet (TCP/IP) e di nuovo su Proprietà. Vedete quelle due serie di numeri? Bene, nella prima serie (server DNS preferito) scriviamo:

208.76.222.222

Nella seconda (Server DNS alternativo) inseriamo invece:

208.67.220.220

Con questo siamo a posto. Diamo l’OK e proviamo ad accedere a Facebook: se tutto è andato per il verso giusto dovremmo riuscirci.

5. Gmail

 

Immagine del gadget per sbloccare Facebook con Gmail

Dicevo all’inizio come fosse abbastanza improbabile ritrovarsi in ufficio con la posta bloccata e, sopratutto, con l’impossibilità di accedere a Google. Possiamo approfittare di questa situazione per sbloccare Facebook tramite Gmail. Come? Andiamo nelle impostazioni sperimentali (Labs) della posta di Google e aggiungiamo un gadget tramite indirizzo URL. E qual’è l’indirizzo da scegliere? Questo:

http://hosting.gmodules.com/ig/gadgets/file/104971404861070329537/facebook.xml

Così facendo otterremo un piccolo gadget direttamente nella finestra di Google Mail. Non è una cosa ricca di effetti speciali, e nemmeno funzionante alla perfezione. Ma tramite questo trucco possiamo comunque consultare la nostra bacheca e aggiornare il nostro stato. Meglio di niente, no?

6. Il file Hosts

Immagine del file Hosts

L’ultimo trucco è particolarmente succoso, per chi ama smanettare nel sistema. O per chi apprezza l’ironia dell’utilizzare uno strumento di blocco per sbloccare l’accesso a Facebook. Solitamente si utilizza il file di Hosts per impedire la navigazione in determinati siti ma, con qualche semplice modifica, si può fare anche l’inverso: abilitare l’accesso a tutti i siti che vogliamo.

Per cominciare apriamo con un editor di testo (basta il classico Blocco Note di Wndows) il file. Ma dove lo possiamo trovare? Sul nostro PC a questo percorso:

 C:\WINDOWS\system32\drivers\etc

Andiamo alla fine del file e scriviamo:

125.252.224.88  facebook.com

125.252.224.88  www.facebook.com

69.63.181.12 apps.facebook.com

153.16.15.71 upload.facebook.com

153.16.15.71 login.facebook.com.

Salviamo, chiudiamo e riapriamo il browser. Con queste semplici righe dovremmo aver superato completamente tutti i blocchi che ci sono stati imposti. E, finalmente, potremo perdere tutto il tempo che vogliamo su Facebook. Attenti, però, a non farvi scoprire dal capo o dal professore.

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *